ADVST
Costume e Società

Smartworking: i buoni pasto sono da considerarsi fuori dal reddito

Lo smartworking non influisce sull’esenzione fiscale prevista per i buoni pasto. La normativa che regolamenta la detassazione delle erogazioni ai dipendenti che si ricollegano alla necessità del datore di lavoro di provvedere alle esigenze alimentari del personale che durante l’orario di lavoro deve consumare il pasto, non prevede una definizione delle prestazioni sostitutive di mensa, limitandosi a prevederne la non concorrenza al reddito entro il limite di 4 Euro, che sale a 8 per i buoni pasto elettronici. Per le prestazioni sostitutive del servizio di mensa, in altre parole, si applica il regime di parziale imponibilità, indipendentemente dall’articolazione dell’orario di lavoro e dalle sue modalità di svolgimento. Dunque, nel caso in cui il datore riconosca ai lavoratori agili i buoni pasto, questi non concorreranno alla formazione del reddito di lavoro dipendente e il datore non sarà tenuto a operare la ritenuta a titolo di acconto IRPEF sul valore dei buoni pasto.

Fonte: italiaoggi.it

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button