ADVST
CronacaReggio Calabria

“Rasoterra”: arrestate 9 persone per sfruttamento della manodopera

È di nove persone finite in manette il bilancio dell’operazione Rasoterra, condotta questa mattina all’alba dalla Polizia di Reggio Calabria per arginare il fenomeno del caporalato. Agli arrestati, tra i quali figurano anche due caporali di origine africana, vengono contestati i reati di sfruttamento della manodopera e intermediazione illecita, in quanto avrebbero reclutato migranti nella baraccopoli di San Ferdinando, smantellata due anni fa, costringendoli a lavorare in condizioni di schiavitù.
«Venivano reclutati e messi a disposizione da alcuni datori di lavoro anche attraverso l’intermediazione illegale di altri soggetti – spiega Francesco Rattà, dirigente della Squadra Mobile di Reggio Calabria. – Lavoravano fino a 12 ore al giorno e venivano pagati 25 € a giornata o 50 centesimi a cassetta di agrumi raccolta. Una condizione che rende evidente lo sfruttamento e l’approfittamento costante dello stato del bisogno.»
Al centro dell’inchiesta, spiega invece il questore Bruno Megale, c’era «Filippo Raso, di Taurianova, persona che ha un legame con le consorterie criminali dei Piromalli-Molè e, di fatto, dominus indiscusso dell’azienda agricola intestata alla figlia e ora sequestrata, centro operativo di un’organizzazione che si occupava di reclutare, trasportare e controllare i migranti».

Foto: citynow.it

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button