CronacaReggio Calabria

Obbligo di soggiorno e sequestro di beni per esponente della cosca “Cacciola-Grasso”

A Rosarno, nei giorni scorsi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno confiscato ingenti beni patrimoniali e applicato la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per la durata di 3 anni e 6 mesi, nei confronti di Giovanni Cacciola, classe 1981, di Rosarno, con pregiudizi di polizia per reati connessi ad associazione per delinquere di tipo mafioso finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, elemento di spicco della consorteria di ‘ndrangheta denominata Cacciola-Grasso, operante nella piana di Gioia Tauro con ramificazioni nel nord Italia e all’estero.
Il provvedimento, emanato dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria, presieduta da Ornella Pastore,· è giunto a esito di articolata attività d’indagine che ha consentito di accertare illecite accumulazioni patrimoniali per un valore complessivo di circa 630.000 Euro, consistenti in quattro immobili, ubicati a Rosarno e quattro prodotti finanziari.

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button