Marco Pandolfo: «Mio padre ha contribuito a vaccinare la società contro la mafia»

Sette colpi per sedare il dolore.Secondo la ricostruzione degli inquirenti fu questo il movente dell’agguato che strappò Domenico Nicolò Pandolfo all’amore della sua famiglia. L’esecuzione avvenne in pieno giorno, davanti all’ospedale di Locri, la mattina del 20 marzo 1993. A farne le spese, un uomo che gli americani avrebbero indicato come self made man, guidato … Leggi tutto Marco Pandolfo: «Mio padre ha contribuito a vaccinare la società contro la mafia»