ADVST
CosenzaCronaca

Infastidisce i clan: minacce al Procuratore di Paola Pierpaolo Bruni

Il Procuratore della Repubblica di Paola, Pierpaolo Bruni, è al centro della conversazione tra un detenuto e sua moglie. Con parole, ma che gesti eloquenti, l’uomo non lascerebbe dubbi agli inquirenti in merito alla volontà di ostacolare con minacce e ritorsioni l’attività del magistrato. L’intercettato deve scontare sei anni di carcere perché coinvolto in una precedente indagine della Direzione Distrettuale Antimafia condotta proprio dal Procuratore Bruni quando si occupava del territorio crotonese ed è coinvolto nel procedimento scaturito dall’inchiesta Tonno Rosso, che di recente ha fatto registrare tre condanne e un rinvio a giudizio.

Sergio De Caprio: «In Calabria non c’è più spazio per i criminali»

Praticamente istantanea la reazione delle Istituzioni, che hanno espresso unanimemente vicinanza nei confronti del Procuratore. Il primo a esprimersi in tal senso è stato l’Assessore Regionale all’Ambiente Sergio De Caprio, che ha voluto estendere la solidarietà anche alla famiglia di Bruni.
«I magistrati che combattono – ha dunque affermato De Caprio, – sono l’orgoglio della Calabria e dell’Italia. La loro lotta è la lotta dell’intero popolo calabrese. Non li lasceremo soli. I criminali stiano nel posto che gli compete, in carcere o a collaborare con la giustizia. In Calabria non c’è spazio per loro.»

Foto: wesud.it

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

One Comment

  1. I do not еven know how I stopped up right here, but I believed this submit was once
    ɡood. I don’t rеcogniѕe who you’re but definitely you’re going to a famous blogger if you happen to
    aгe not already. Cheers!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button