ADVST
Attualità

La Calabria può diventare una Hydrogen Valley. Ma le istituzioni lo sanno?

Dall’Ufficio Stampa TanDem

Domani il premier Mario Draghi incontrerà i presidenti delle Regioni per discutere del Recovery Plan. La bozza del piano italiano, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, diffusa nel gennaio scorso e già presentata alla Commissione Europea, sarà quindi modificata. E del nuovo documento si parlerà a breve, ossia a fine aprile. Ecco perché noi ci chiediamo che cosa riferirà il Presidente facente funzioni della Regione Calabria Nino Spirlì. Cosa proporrà per noi? Di quali programmi e progetti discuterà? Non c’è infatti stato, almeno fino a questo momento, alcun confronto pubblico sul tema e non si conoscono idee e intenzioni della Giunta Regionale a riguardo. Proviamo dunque noi a dare un utile spunto ai rappresentanti della Calabria.
Come ormai a molti noto una buona parte delle risorse del Piano, in realtà denominato Next Generation EU, con una dotazione di 750 miliardi di Euro di cui 209 destinati all’Italia, ossia circa il 30%, saranno rivolte alla tutela dell’Ambiente e, in modo più specifico alla Rivoluzione Verde e alla Transizione ecologica. Il PNRR ha peraltro previsto la destinazione di quasi 69 miliardi a settori dell’efficienza energetica, economia circolare, tutela del territorio e risorsa idrica.
Sul fronte dell’energia da fonti rinnovabili, grande interesse è in particolare rivolto innanzitutto all’idrogeno verde. E l’Europa punta alla presentazione di progetti innovativi sul versante della cosiddetta Transizione energetica. Da noi vi sono le condizioni per la costituzione di una rete fra Università locali e Centri di ricerca sull’idrogeno verde che rappresenta una nuova frontiera di investimento su una fonte di energia definito l’asso nella manica per la ripresa post Covid, tanto che il 2 dicembre scorso Eni ed Enel hanno annunciato la costruzione di un primo impianto entro un paio d’anni, gettando di fatto le basi per una struttura pilota in grado di generare idrogeno verde entro il termine del 2022 o metà del 2023 al massimo.
L’Università della Calabria, del resto, ha già avviato tale percorso di ricerca firmando nell’aprile dell’anno scorso un accordo con Snam e Registro Navale Italiano per accelerare sull’introduzione del gas verde nel sistema energetico italiano e abbattere così le emissioni di Co₂. L’idrogeno dovrebbe sostituire i combustibili fossili in alcuni processi industriali ad alta intensità di carbonio, come in siderurgia e nella chimica, abbassando così di molto le emissioni di gas a effetto serra.
Nello specifico c’è al lavoro il laboratorio DeltaH dell’UniCal (uno dei pochi al mondo a poter fare questo tipo di ricerca) e il Distretto tecnologico sui materiali avanzati per le rinnovabili con sede a Lamezia Terme. Ma non manca anche il contributo di imprese private come il Centro Sviluppo Materiali.
Nel PNRR si impegnano diversi miliardi per la Promozione della produzione, distribuzione e uso di idrogeno verde, oltre che per Ricerca e sviluppo nell’ambito dell’idrogeno, con l’istituzione delle Hydrogen Valley. E la Calabria, una volta tanto, annovera tutti gli elementi, avendo le competenze e una politica energetica appropriata per poterne vantare una.

Foto: dmove.it

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button