Costume e Società

Un tricolore di 60 metri sul palazzo di Poste Italiane per tifare Azzurri

Di Poste Italiane – Media Relations

Alta 60 metri, larga 15: è la bandiera da record firmata Poste Italiane composta da oltre 1.200 volti dell’azienda che coprono una superficie totale di 900 metri quadrati. Migliaia di sorrisi di donne e uomini per la prima volta insieme, in un unico tricolore, per tifare la Nazionale di calcio in vista dei Campionati Europei.
La maxi-bandiera che ricopre interamente la facciata del grattacielo che ospita la sede centrale di Poste Italiane a Roma, è stata svelata da una rappresentanza di dipendenti dell’azienda che ha partecipato all’iniziativa #Posteitaliani, inviando la propria foto e mettendoci la faccia per incoraggiare i ragazzi di Mister Roberto Mancini in vista dell’esordio agli Europei con la Turchia, l’11 giugno allo stadio Olimpico di Roma.
Poste Italiane è partner della Nazionale di calcio come Top Sponsor al fianco della Federazione Italiana Giuoco Calcio sostenendo il progetto di rinnovamento che la FIGC porta avanti da tempo e condividendo lo stesso rispetto per i valori sportivi, il radicato e profondo rapporto con il Paese e la capacità di fare squadra per raggiungere i traguardi più impegnativi.
La bandiera svetta sulla sede centrale di Poste Italiane, nel quartiere dell’Eur all’entrata Sud di Roma, per un caloroso benvenuto a chi arriva nella Capitale e rimarrà esposta fino alla fine degli Europei di calcio.

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button