Costume e Società

65 anni fa ci lasciava Corrado Alvaro. Pino Mammoliti: “Rese concrete le ambizioni dei calabresi”

Di Pino Mammoliti

L’11 giugno del 1956 moriva Corrado Alvaro. Oggi, in un bellissimo articolo pubblicato su Calabria Live viene evocata la figura complessa e straordinariamente attuale dello scrittore sanluchese prestato alla Calabria, all’Italia e al mondo intero. Non so perché ma, romantico e idealista come sono, la mia modestissima esperienza di calabrese sognatore lega la figura di Alvaro ad altri due grandi interpreti della speranza di un mondo migliore: Giacomo Leopardi e Don Lorenzo Milani. Il cruccio esistenziale del primo scioglie ogni dubbio sul ruolo dell’uomo e del suo rapporto con i contemporanei nella concretezza del secondo. Fondendosi in Alvaro, essi rendono concrete e realizzabili le ambizioni, mai dome, dei calabresi.
Il Canto notturno di un pastore errante dell’Asia e Lettera a una professoressa, donano trama e nervature in Gente in Aspromonte. Mi piacerebbe tanto sapere che i candidati alle prossime elezioni (tutte, anche quelle comunali) orientassero il loro impegno seguendo il ritmo bilanciato di sogni, speranze e concretezze reso immortale da Corrado Alvaro.

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button