CronacaVibo Valentia

Soumaila Sacko: torna in carcere il presunto omicida

È tornato in carcere Antonio Pontoriero, il 44enne condannato in primo grado a 22 anni di reclusione con l’accusa di essere stato il responsabile dell’omicidio di Soumaila Sacko, di 29 anni, maliano, bracciante agricolo e attivista dell’Unione Sindacale di Base, ucciso nel giugno del 2018 a San Calogero, nel Vibonese, mentre si trovava in un’ex fornace per recuperare lamiere da utilizzare nella tendopoli di San Ferdinando allo scopo di adattarle a coperture di alcune baracche che ospitavano migranti.
Il nuovo arresto è stato eseguito dopo che il Tribunale del riesame ha rigettato l’istanza dei difensori di Pontoriero, gli avvocati Francesco Muzzopappa e Salvatore Staiano, per la concessione al 46enne della detenzione domiciliare.
I giudici si sono pronunciati sull’istanza dopo che la Corte di cassazione aveva annullato con rinvio una prima sentenza del Tribunale del riesame con cui era stato concesso il beneficio degli arresti domiciliari al presunto omicida del migrante.
Oggi, intanto, è proseguito davanti alla Corte d’assise d’appello di Catanzaro il processo di secondo grado a carico di Pontoriero. L’udienza è stata riservata alle arringhe degli avvocati Arturo Salerni e Mario Angelelli, intervenuti in rappresentanza dell’USB e dei fratelli, della moglie e della figlia di Sacko, costituitisi parte civile nel dibattimento. I due legali hanno chiesto alla Corte la conferma per Pontoriero della sentenza di primo grado.
Analoga richiesta era stata fatta in precedenza dal sostituto procuratore generale di Catanzaro Salvatore Di Maio.
La prossima udienza del processo è stata fissata per l’11 febbraio, quando interverranno in difesa di Pontoriero gli avvocati Muzzopappa e Staiano.

Fonte: ANSA


Edil Merici

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button