ADVST
Costume e SocietàSport

Moto GP: gli alti e bassi di Fabio Quartararo e il campionato degli equilibri


Edil Merici

Di Elisa Scambelluri – Liceo Classico Ivo Oliveti di Locri

Campione del mondo di MotoGP 2021 è Fabio Quartararo, che a 23 anni si è aggiudicato il numero 1 sul cupolino della sua Yamaha YZR-M1. Con ben 278 punti e 10 podi, si è fatto amare anche da chi aveva il nome di Pecco Bagnaia scritto sul cuore o da chi soffriva ancora per l’addio di Valentino Rossi, conquistando con le lacrime e l’adrenalina la vetta del mondo. Il debutto in Yamaha è decisivo nella sua carriera: dalla tredicesima posizione in campionato con Kalex e KTM e la decima con Honda e Speed Up tra Moto3 e Moto2, Yamaha lo fa arrivare nel MotoGP con la quinta posizione nel 2019, l’ottava del 2020 e, infine, una vittoria che aveva il sapore di dedizione e sudore. Ma il campione dura qualche mese prima della riapertura del campionato del 6 Marzo in cui, forse, lo sguardo alla competizione era stato distolto dall’ebrezza della vittoria, finendo 9º dietro Johann Zarco nella gara d’esordio in Qatar. Il poco feeling con la Yamaha era già emerso in pausa quando, in fase di aggiornamenti moto era stato chiesto che alcuni punti deboli del motore venissero potenziati o che, almeno, si tentasse di farlo. I risultati sono stati poco più che nulli: il focus principale è stato ai telai in alluminio, ma nulla che possa realmente aiutare la Yamaha a raggiungere la velocità delle Ducati in rettilineo, che rimane l’obiettivo primario della casa costruttrice. In Indonesia sembra che qualcosa sia migliorato, con Fabio tornato sul podio con un secondo posto e un Fastest Lap di 1:38.749 al 17º giro. Ma la gioia del ritorno dura poco: in Argentina domina Aleix Espargaró, che lo lascia 8º davanti alla nuova moto VR46 di Marco Bezzecchi e dietro l’Aprilia di Maverick Viñales. Nel GP delle Americhe arriva settimo, ma questa volta a durare poco è la delusione: in Portogallo, con il Fastest Race Lap, taglia in prima posizione il traguardo e, tra lacrime di commozione e battiti accelerati, sale sul gradino più alto del podio accanto a Zarco ed Espargaró, ritornando a guardare il team Yamaha dall’alto, senza l’arroganza del vincitore, ma con la coscienza e l’orgoglio di chi crede nel sogno di primeggiare tra i 300 CV più conosciuti del Mondo. E mentre proprio in questi minuti partono le qualifiche per il Gran Premio di Spagna, sesta prova valida per il mondiale, noi rimaniamo in attesa di vedere quali altre emozioni questo pilota tutto cuore e polso sarà pronto a regalarci.

Foto: notizie.com


Fragranze

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button