ADVST
AttualitàEnti locali

Ultime da Reggio: la lotta all’abbandono dei rifiuti e il campo di Ravagnese

Proseguono le attività dell’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria, la cui giunta, guidata dal sindaco facente funzioni Paolo Brunetti, ha scoperto il titolare di un’azienda che gettava rifiuti in strada e riconsegnato alla comunità il campo di Ravagnese.

Scoperto e denunciato il titolare di un’azienda che scaricava rifiuti in strada

Prosegue senza sosta l’attività di monitoraggio delle forze della Polizia municipale su tutto il territorio cittadino con riferimento, in particolare, ai servizi di prevenzione del danno ambientale. Un’azione mirata che sta interessando tutti quei contesti di maggiore rischio in cui è si verificano discariche abusive e smaltimento illegale di rifiuti. In questo contesto, nei giorni scorsi, la polizia locale di Reggio Calabria, a seguito di uno specifico servizio notturno, ha sorpreso in flagranza di reato il titolare di una ditta che scaricava rifiuti in strada, precisamente nella zona di Ciccarello. A darne notizia sono il Sindaco ff Brunetti e l’assessore comunale all’Ambiente e Polizia municipale, Giuggi Palmenta.
Il soggetto è stato bloccato e denunciato all’autorità giudiziaria per smaltimento illegale di rifiuti. Da quanto si è appreso successivamente, peraltro, sembra che la stessa persona sia stata una dei rappresentanti dei comitati spontanei sorti a tutela del decoro della città e contro l’abbandono di rifiuti.
Nelle scorse settimane inoltre, ulteriori dieci sanzioni amministrative sono state comminate per abbandono di Rifiuti Solidi Urbani in aree rurali. Nel complesso, sono stati 22 gli esercizi ispezionati attraverso un’azione congiunta tra Hermes e Teknoservice per un totale di dodici verbali e diverse segnalazioni per mancata registrazione utenza.
“Siamo profondamente grati alle forze di polizia della città per il lavoro incessante che stanno conducendo su tutto il territorio a difesa dell’ambiente, della legalità e della sicurezza dei cittadini” affermano in una nota congiunta Brunetti e Palmenta, evidenziando che “tale lavoro non si fermerà e sarà articolato lungo tutto il contesto cittadino con il preciso obiettivo di garantire il rispetto delle regole e la vivibilità dei nostri quartieri. Quanto accaduto agli esiti di queste ultime operazioni, è assolutamente inaccettabile e offre tristemente il segno delle grandi difficoltà che le istituzioni del territorio e le forze dell’ordine sono costrette ad affrontare, ogni giorno, per garantire il corretto funzionamento del sistema di raccolta dei rifiuti. Naturalmente, siamo perfettamente consapevoli – proseguono i rappresentanti di Palazzo San Giorgio – che la repressione e l’attività sanzionatoria da sole non bastano, per questo rinnoviamo l’appello alla cittadinanza affinché collabori e si impegni a mantenere il decoro e la pulizia dei luoghi in cui abitiamo, seguendo le regole e svolgendo con attenzione la raccolta differenziata, unico e solo strumento che ci consente di gestire in modo funzionale e sostenibile l’intero sistema di raccolta dei rifiuti. In questo senso un plauso va rivolto all’attività meritoria che, seppur di fronte a tante difficoltà, sta svolgendo Teknoservice che, oltre a fare del proprio meglio per garantire il servizio di raccolta alla Città, risulta in costante dialogo per la lotta agli abbandoni illeciti di rifiuti su tutto il territorio comunale.”

Il campo di calcio di Ravagnese riconsegnato alla comunità

Il Comune di Reggio Calabria ha completato le procedure di affidamento del campo di calcio di Ravagnese alla Raggruppamento Temporaneo di Imprese Sport per tutti con capofila l’Associazione Sportiva Dilettantistica Ravagnese Calcio. A darne notizia in una nota il consigliere delegato allo Sport del Comune di Reggio Calabria Giovanni Latella che ha espresso piena soddisfazione per l’affidamento della struttura che ora tornerà nella disponibilità della comunità reggina.
Come annunciato dalla stessa RTI Sport per Tutti, con il completamento della procedura di affidamento, saranno immediatamente avviati i lavori di ripristino del campo di calcio con l’obiettivo – specificano i promotori – “di renderla presto fruibile non solo per le attività sportive ma anche per tutte le iniziative sociali, culturali e ludiche che possano coinvolgere l’intero territorio”. La durata della concessione è di 6 anni, prorogabili per altri tre.”
Il delegato allo Sport ha espresso piena soddisfazione per il completamento della procedura di affidamento. «Finalmente – ha affermato Latella – riconsegniamo alla città una struttura sportiva molto importante per il nostro territorio. E siamo felici del fatto che gli aggiudicatari hanno già annunciato di voler utilizzare l’impianto anche per attività sociali che coinvolgano il territorio. Siamo infatti convinti che il calcio e lo sport in generale non siano da considerare esclusivamente sotto l’aspetto agonistico, ma costituiscano un veicolo straordinario per l’aggregazione sociale e per la crescita civile della comunità. Un grande in bocca al lupo, quindi, ai rappresentanti della RTI aggiudicataria, all’ASD Ravagnese Calcio e a tutti gli sportivi che al più presto torneranno a calcare il terreno di gioco dello storico impianto sportivo. Nei prossimi giorni – ha concluso Latella – anche il campo di Archi sarà consegnato alla società che si è aggiudicata il bando, secondo le procedure disposte dal Settore Sport del Comune, che ringrazio per la proficua attività portata avanti in queste settimane.»


Gedac

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button