ADVST
Politica

«La Regione si attivi e raccolga l’appello a bloccare il DdL sull’autonomia differenziata»


Edil Merici

Dal Gruppo PD Calabria

«Pieno sostegno all’appello alle Regioni del Sud, lanciato dal governatore della Campania Vincenzo De Luca, per bloccare il Disegno di Legge sull’autonomia differenziata che il ministro Roberto Calderoli ha illustrato alla Conferenza Stato/Regioni.»
Ad affermarlo è il capogruppo del Partito Democratico in Consiglio regionale, Mimmo Bevacqua, che così prosegue: «Ci sarebbe piaciuto, così come avevamo richiesto in Consiglio regionale, che l’iniziativa fosse partita dalla Calabria e dal presidente Roberto Occhiuto, ma adesso serve un impegno comune da parte delle Regioni del Sud per bloccare la cosiddetta secessione dei ricchi che andrebbe a favorire ancora le Regioni settentrionali.»
«Come se non bastasse affidare settori nevralgici come scuola e sanità, che sono di competenza statale, alle singole Regioni, il DdL Calderoli, per come da ultimo modificato, elimina anche ogni riferimento ai Livelli Essenziali di Assistenza che dovrebbero essere garantiti in modo uniforme su tutto il territorio nazionale – dice ancora Bevacqua. – Una scelta inaccettabile che va a creare cittadini di serie a e di serie b, mantenendo come unico criterio del finanziamento statale quello della spesa storica.»
«Le Regioni del Sud – conclude Bevacqua – devono essere unite per bloccare un disegno di legge ingiusto, che rischia di creare soltanto confusione e che continua a penalizzare il Meridione che, invece, dovrebbe essere al centro delle attenzioni del Governo Meloni con investimenti e interventi idonei a recuperare il divario con il resto del Paese. Ricordo, infine, che l’opposizione aveva richiesto sul tema una seduta di Consiglio regionale apposita che ci auguriamo venga convocata entro la fine del mese, per come concordato in sede di Conferenza dei capigruppo.»


Gedac

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button