ADVST
AttualitàEnti locali

Reggio: l’ordinanza di non potabilità dell’acqua, la Commissione PO e Stazione delle essenze


GRF

Proseguono le attività dell’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria, la cui giunta, guidata dal sindaco facente funzioni Paolo Brunetti, ha emesso un’ordinanza di non potabilità dell’acqua in alcune zone della città, presentato i nuovi lavori della Commissione Pari Opportunità e i lavori per la Stazione Sperimentale delle essenze.

Emessa ordinanza di non potabilità dell’acqua in alcune vie di Catona

In seguito ad alcune verifiche effettuate, il sindaco ff Brunetti ha firmato una ordinanza, in via cautelativa, che sancisce il divieto temporaneo dell’utilizzo dell’acqua per scopi potabili e per il consumo umano, limitatamente alle zone in sinistra idraulica della fiumara Catona dal civico 70 di Via Emilia verso valle, comprese Via Umberto I, Via Sant’Antonino, Via Santa Domenica e l’intera contrada San Cono, Via Sabauda fino all’incrocio con Via Calcara a destra, e fino all’incrocio con via Medina a Sinistra; alle zone in destra idraulica alla fiumara Catona, contrade Santa Lucia e San Pietro.
Il Servizio Idrico Integrato, incardinato presso il Settore nº 9 Ambiente, provvederà, con la massima urgenza all’adozione di tutte le misure prescritte dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria finalizzate alla riconduzione delle acque nei parametri di legge.

La Commissione Pari Opportunità sul tema dei diritti e dell’imprenditoria di genere e del cyberbullismo

Prosegue il lavoro dell’ottava Commissione del Comune di Reggio Calabria (Pari Opportunità, Pace, Diritti umani, relazioni internazionali e Immigrazione), presieduta dalla Consigliera Teresa Pensabene.
Tra i temi trattati nelle ultime sedute le audizioni delle giovani presidenti delle Associazioni Be Ca, Rete sociale e Roadto50percent, sul tema della parità di genere a Reggio Calabria, sulle difficoltà e opportunità nel mondo dell’imprenditorialità. «Dall’incontro – ha spiegato la Presidente Pensabene – è scaturito un percorso di collaborazione che si potrebbe concretizzare nell’elaborazione di due proposte progettuali: SOS imprenditrice con Assessorato alle Politiche di genere e Camera di commercio e Gender equality week. Un percorso di formazione rivolto alle ultime classi degli Istituti scolastici di secondo grado, che consiste in una settimana di seminari con esperti del settore che svilupperanno il tema della parità di genere, articolato su tre laboratori pratici, Economia, Politica, Giornalismo, attraverso i quali gli studenti svilupperanno rispettivamente un modello di azienda innovativa, una campagna politica, e l’uguaglianza di genere nella comunicazione. I prodotti realizzati potrebbero essere esposti e presentati dagli studenti in un evento pubblico, il Festival delle Pari Opportunità: La Calabria è per tutti e per tutte? con la partecipazione delle Istituzioni e di personalità dell’imprenditorialità e del giornalismo.»
«In una successiva seduta di commissione – spiega ancora la Presidente Pensabene, – sono state audite la Presidente dell’Arcigay Calabria Michela Calabrò e la Presidente dell’Associazione Genitori Di Omosessuali Reggio Calabria, Mirella Giuffrè, che hanno fornito importanti spunti di riflessione sui temi dell’omosessualità e della varianza di genere. La partecipazione delle due associazioni con altri associati a un bando ministeriale ha reso possibile la realizzazione, a Reggio Calabria, di un Progetto molto importante, che fornisce una serie di servizi concreti ai LGBT+ quali lo sportello delle relazioni con il pubblico che eroga servizi di consulenza legale, psicologica, aiuto digitale, di orientamento ai servizi territoriali, informazione e orientamento al lavoro. Importante l’azione di sensibilizzazione e formazione delle associazioni coinvolte ai fini del miglioramento di tutti i servizi. La richiesta delle due associazioni è quella di coinvolgimento delle Istituzioni, di supporto e collaborazione in iniziative concrete, nella promozione di un’azione di slancio sul terreno programmatico e politico verso un’autentica affermazione dei fondamentali diritti sociali e civili.»
«Nella seduta seguente si è affrontato il tema del bullismo e del cyberbullismo, fenomeno che ha assunto ultimamente sempre maggiore gravità e ampiezza nelle relazioni tra adolescenti all’interno e all’esterno della scuola. A trattare l’argomento in commissione, Valentina Iaria, psicologa e psicoterapeuta ad approccio breve strategico, esperta in Psicologia giuridica, dello Sport, in assistenza ai minori stranieri non accompagnati, nella gestione dello sportello di ascolto nelle scuole, nel supporto a insegnanti e famiglie. La dottoressa Iaria collabora inoltre con diverse associazioni per la prevenzione del disagio giovanile e il supporto alla genitorialità. Una figura di alto profilo professionale che ha ampiamente esposto la tematica dal punto di vista della psicologia. Esistono varie forme di bullismo: verbale, psicologico, fisico, ed elettronico, appunto il cyberbullismo. Quest’ultimo comportamento è ancor più grave delle precedenti forme perché è attuato fuori dalla relazione interpersonale fisica, avviene senza limiti orari, è meno controllabile essendo in forma di anonimato, i materiali usati per le azioni messe in atto possono essere diffusi in rete, chiunque, anche chi è vittima del bullo, può diventare cyberbullo, vi è assenza di visibilità delle reazioni, ossia degli effetti provocati dalle azioni di violenza sulla vittima, può verificarsi sdoppiamento della personalità. Fondamentale è il ruolo delle famiglie, della scuola, delle Istituzioni che, in sinergia, devono porre in atto azioni di informazione e formazione, ascolto e cura nei confronti degli adolescenti sia in gruppo sia individualmente, quando si rende necessario. Importanti, a scuola, la presenza del docente referente e la creazione di uno sportello di ascolto gestito dalla figura dello psicologo, misure che possono attivare l’azione sinergica della famiglia e delle Istituzioni.»
«Da presidente – conclude Pensabene – posso infine affermare che i temi trattati sono stati spunto per tutti i commissari nel comune intento di fornire stimoli validi al dibattito e alla risoluzione delle questioni, in un clima di condivisione e volontà di collaborazione tra le forze di maggioranza e di minoranza. Ringrazio quindi tutti gli intervenuti e gli assessori di riferimento presenti alle sedute di commissione che costituiscono la giusta cassa di risonanza affinché le istanze sociali e civili della comunità possano venire incanalate in un percorso istituzionale corretto e produrre stimoli e incentivi alla risoluzione dei problemi.»

Reggio Calabria al lavoro per la Stazione Sperimentale per le industrie delle essenze

È stato firmato e presentato il protocollo d’intesa tra la Camera di Commercio, il Comune di Reggio Calabria e l’Università Mediterranea di Reggio Calabria per il rilancio della Stazione Sperimentale per le industrie delle essenze e dei derivati degli agrumi. Il protocollo impegna i tre Enti a rilancio della storica struttura, snodo fondamentale per il comparto della ricerca e dell’industria ospitato in un antico complesso che sorge sul corso Vittorio Emanuele. Nelle scorse settimane la Giunta comunale guidata dal sindaco ff Brunetti, su proposta dell’Assessore alle Attività Produttive Angela Martino, aveva approvato lo schema di convenzione, predisponendo gli atti per la firma.
Presenti all’incontro di presentazione il sindaco ff Brunetti, insieme all’Assessore Martino, il Presidente della Camera di Commercio e di Unioncamere Antonino Tramontana e il Magnifico Rettore dell’Università Mediterranea Giuseppe Zimbalatti.
Il piano di collaborazione prevede interventi congiunti finalizzati all’attivazione di un vero e proprio polo di innovazione in grado di gestire, fra le altre cose, una rete istituzionalizzata specializzata per la caratterizzazione e la certificazione delle essenze agrumarie. Attività che riguarderanno tutte le essenze, i succhi e gli altri derivati agrumari, con particolare riferimento al bergamotto e non solo.
L’obiettivo è quello di dar vita a una piattaforma per la ricerca, la formazione, il trasferimento tecnologico mutuabile anche ad altre produzioni agricole e agroalimentari. Senza contare, poi, la possibilità di organizzare una serie di iniziative di carattere formativo promosse per fornire le conoscenze teoriche e pratiche volte alla qualificazione di specialisti in scienze e tecnologie delle produzioni agrumarie, essenze, profumi o generi alimentari. Importante, dunque, sarà anche il coinvolgimento delle scuole con l’attivazione di corsi per tecnici e la formazione enogastronomica, ma anche e soprattutto delle università che avranno l’opportunità di attingere a percorsi di specializzazione post-laurea in agraria, chimica, biologia o farmacia.
Nella convenzione rientrano, ancora, il rilancio dell’Orto botanico sito sul viale Calabria, che andrà in gestione per incentivare le specie maggiormente rappresentative del territorio e che sarà adibito a campo catalogo del bergamotto e di un bergamotteto, sito a Pellaro, che il Comune metterà a disposizione per sperimentazioni e visite guidate ai fini turistici e didattici.
«Una giornata importante per tutti noi – ha commentato a margine l’Assessore Martino, – un obiettivo nato la scorsa primavera e che oggi segna un punto importante con questa sinergia comune finalizzata al rilancio di un istituto storico del nostro territorio, in un edificio di pregio che si affaccia sul Lungomare e che, quindi, ha delle enormi potenzialità anche in ottica ricettiva, oltre naturalmente che in ottica scientifica e di ricerca. L’obiettivo del Comune è quello di ammodernare la parte di propria pertinenza, per fare in modo che possa diventare un ulteriore polo di interesse per chi arriva in città, istituendo ad esempio un museo stabile del Bergamotto di Reggio Calabria, aprendo la struttura agli istituti alberghieri e fornendo in concessione, già nel prossimo futuro, anche servizi prettamente ricettivi. Insieme alla Camera di Commercio e all’Università abbiamo fissato degli obiettivi che risultano complementari e che costituiscono un valore aggiunto nell’ottica di una sinergia che, per quanto ci riguarda, punta alla promozione e allo sviluppo del territorio soprattutto in ottica turistica.»
Soddisfazione è stata espressa a margine della presentazione anche dal sindaco ff Brunetti che, intervenendo in conferenza, ha illustrato i contenuti di un documento «che punta al rilancio di una struttura storica della Città, certamente poco conosciuta, purtroppo a volte anche dagli addetti ai lavori, e che va a fare il paio con le diverse iniziative messe in campo dall’Amministrazione comunale e a suo tempo programmate per il rilancio del comparto delle esportazioni delle produzioni di qualità, a cominciare da prodotti identitari che caratterizzano il territorio come il Bergamotto di Reggio Calabria e, in generale, l’intera filiera degli agrumi.»


Gedac

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button