ADVST
PoliticaRegione

PD Calabria: i Consorzi di Bonifica, la gestione delle partecipate e il maltempo


Edil Merici

Proseguono le attività del Partito Democratico Regionale, che ha chiesto maggiori tutele per i lavoratori dei Consorzi di Bonifica, più puntualità nella gestione delle partecipate da parte della maggioranza regionale e di aiutare le popolazioni della fascia tirrenica colpite dal maltempo.

«Si trovino le risorse per pagare i lavoratori dei Consorzi di bonifica»

«L’assessore Gianluca Gallo già nel 2020 di diceva convinto della necessità di rivedere la legge regionale che disciplina i Consorzi di bonifica. Dopo due anni, finalmente, affrontiamo il problema, ma con un convitato di pietra che sono i lavoratori che aspettano di essere pagati.»
Ad affermarlo è il capogruppo del PD in Consiglio regionale Mimmo Bevacqua che così prosegue: «Se non saldiamo i crediti con i dipendenti del Consorzio dell’alto ionio cosentino e degli altri Consorzi non riusciremo a fare nessuna riforma. Serve eliminare questo stato di tensione e reperire le risorse per pagare le mensilità arretrate per poi affrontare la discussione sulla prospettiva dell’agricoltura in Calabria. Abbiamo ricevuto una proposta libera e aperta alla quale vogliamo contribuire, ma c’è bisogno di un tavolo che coinvolga i sindacati e le associazione degli agricoltori.»
«Con la pressione che abbiamo oggi in Consiglio regionale – dice ancora Bevacqua, – è impossibile avviare una riforma seria che serva a dare risposte ai territori. L’invito che facciamo all’assessore Gallo e al presidente del Consiglio è questo: troviamo le risorse e poi avviamo una riforma organica di sistema che richiede tempo, pazienza dedizione e capacità di avere una visione per il futuro dell’agricoltura calabrese.»

“Non si può ridurre la discussione su Enti strumentali e partecipate alla mera approvazione dei bilanci”

“Continua la solita inaccettabile prassi in Consiglio regionale. Arrivano in Aula, spesso anche all’ultimo momento, e trattano temi e problematiche assai rilevanti per il presente e il futuro della Calabria con un’imbarazzante approssimazione, senza nessun approfondimento, con ritardi amministrativi e, soprattutto, senza una visione organica di sviluppo.”
Ad affermarlo è il gruppo del PD in Consiglio regionale. “Levati i riflettori della stampa ritirando l’imbarazzante legge sul consigliere supplente, il centrodestra ha fatto arrivare in Aula temi fondamentali come sanità, infrastrutture, ponte sullo stretto fino alla rimodulazione, per  milioni di euro in relazione ai bilanci di Calabria Lavoro, Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Calabria, Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura e Calabria Verde. Una discussione, peraltro, condotta con una totale approssimazione, senza possibilità di nessun reale confronto e con un approccio distaccato e di tipo esclusivamente burocratico. Eppure questi soggetti svolgono funzioni importantissime in comparti come quello del Lavoro, dell’Ambiente, dell’Agricoltura, nevralgici per la crescita e lo sviluppo sostenibile della Calabria.”
“La decisione di accorpare ben sei punti relativi a problematiche diverse – proseguono ancora i consiglieri dem, – dimostra molto chiaramente l’approccio della maggioranza che continua a non consentire una discussione separata e approfondita, punto per punto, per affrontare adeguatamente il rilancio delle attività e delle missioni di tali aziende. Insomma, la solita Calabria che continua a piegarsi a logiche poco innovative e per nulla funzionali ai cambiamenti socio/economici in atto nel Paese e nella nostra regione. La sola forza numerica ripiegata su una visione dell’effimero provocherà ritardi in termini di ammodernamento, crescita e sviluppo produttivo della Calabria nonostante le cospicue risorse disponibili. Chiederemo – conclude il gruppo regionale del PD, – la convocazione di un apposito Consiglio per affrontare con la giusta attenzione la problematica delle partecipate che necessitano di ben altro tipo di discussione a approfondimento.”

«La giunta intervenga in aiuto dei centri della costa tirrenica flagellati dal maltempo»

«La giunta regionale si attivi immediatamente per fronteggiare la situazione di grave emergenza determinata dall’ondata di maltempo che si è abbattuta lungo la costa tirrenica del cosentino, ma che ha coinvolto anche numerosi centri della Calabria centrale come Briatico, Pizzo, Nocera Terinese e Tropea.»
A sostenerlo è il capogruppo Bevacqua. «Si valuti rapidamente la situazione – aggiunge Bevacqua,– e la giunta regionale adotti tutte le misure necessarie per andare in aiuto delle comunità coinvolte, compresa la richiesta dello stato di calamità per i centri colpiti. Subito dopo, come già più volte richiesto dal gruppo del PD, parta in Consiglio regionale una discussione ampia e approfondita sulla manutenzione del territorio volta ad adottare i provvedimenti necessari per prevenire fenomeni di dissesto idrogeologico e il possibile ripetersi di episodi simili.»


Gedac

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button