ADVST
Costume e Società

Ci lascia il maestro Massimo Quattrini


GRF

Di Giuseppe Cavallo

È tornato alla Casa del Padre, stamattina, a Roma, a causa del maledetto male del secolo, il Grande Maestro e Grande Uomo Massimo Quattrini. Ha combattuto con il suo solito coraggio, con la sua grande forza interiore e determinazione per tanti mesi. Maestro di Arti Marziali, difesa personale e kickboxing, Quattrini, sempre solare e sorridente, oltre che raffinato, è noto, amato e stimato, a livello nazionale, per la sua nobiltà di cuore, correttezza, lealtà, disponibilità verso il prossimo e elevatissima bravura e professionalità. Impegnato, anche, quale catechista e sempre attivo, nella propria parrocchia, con la sua grande fede in Dio e la sua profonda devozione per la Madonna, ha resistito al dolore, al terribile male, a tutte le condizioni avverse con grande dignità. Stamattina, però, è salito in cielo, serenamente, circondato dal grande affetto della moglie Francesca Pulcini, suo Grande Amore, assieme alle belle e straordinarie figlie, suoi preziosi Tesori, Chiara e Arianna, alla sua cara mamma Felicetta, alla bravissima sorella, Mariarosaria, al suo inseparabile e amatissimo fratello, il generale Maurizio, anch’egli insegnante di arti marziali e Grande Uomo, e a tutti gli amati parenti. Fra tante persone, in tante Regioni italiane, dove Massimo è conosciuto, la notizia ha destato sconcerto e tanta tristezza. Addio Massimo, grande e amato Fratello!


Gedac

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button