ADVST
Costume e SocietàEventi

“L’unica vera forza è la conoscenza”

L’emergenza sanitaria, e la conseguente chiusura di alcuni plessi scolastici, non ha impedito, ieri mattina, ai ragazzi dell’Istituto Comprensivo Statale Macrì di Bianco, di vivere l’emozione di un incontro virtuale con le Forze dell’Ordine.
Il confronto, che ha coinvolto gli studenti di seconda e terza media, è stato organizzato dal Dirigente Scolastico Sebastiano Natoli in collaborazione con i singoli docenti. In rappresentanza della Compagnia Carabinieri di Bianco, diretta dal Capitano Luigi Garrì e dal Tenente Alessio Cinquepalmi, vi erano il Maresciallo Giovanni Piccolo e il Maresciallo Federica Costantino. Successivamente a un loro primo intervento sull’argomento della legalità è seguito quello del Maresciallo della Sezione Forestale di Brancaleone, Claudia Messeneo.
Una lezione di vita che ha avuto come scopo quello di promuovere la cultura della legalità. «Il rispetto delle regole non va eseguito per paura di una sanzione, ma per poter vivere insieme al meglio» è stato il consiglio che il Maresciallo Piccolo, Comandante della Stazione Carabinieri di Bianco, ha espresso di fronte agli sguardi curiosi dei ragazzi che, nonostante fossero tutti nascosti dietro uno schermo, sono stati in grado di esprimere comunque tutto il loro entusiasmo. Rispettare dunque la legge non per paura, ma per dovere morale. Attenersi costantemente alle regole in ogni semplice azione quotidiana. In ogni comportamento che potrebbe riflettersi anche su uno dei passatempi più diffusi di questi tempi, l’utilizzo dei social network.
A tal proposito, considerati gli episodi di cyberbullismo sempre più frequenti, non sono mancate le raccomandazioni sull’utilizzo della rete. Concetti fortemente condivisi anche nel pensiero esternato dal Maresciallo Costantino che, con un sorriso rassicurante, non celato neppure dalla mascherina che indossava, ha conquistato la fiducia degli studenti coinvolgendoli e invitandoli a intervenire con domande. Il dibattito ha trattando uno degli argomenti più delicati fra gli adolescenti. Si è sottolineato il ruolo di un bullo e del perché esso si comporti come tale. Perché un singolo individuo cerchi di risultare forte agli occhi degli altri, nascondendo in realtà le proprie debolezze.
«Il bullo non vede vie alternative alla cattiveria. Ma l’unica vera forza è il conoscere, è soltanto il sapere che ci rende importanti» è questo il messaggio che il Maresciallo Federica Costantino ripete più volte. Sono queste le parole forti e chiare che rimbombano nelle stanze di ognuno incitando allo studio. La forza del bullismo viene supportata anche da chi, conoscendo i fatti, preferisce far finta di nulla. Ed è qui che subentra l’importanza del sentirsi protetti, sentirsi tutelati, appoggiati e capiti. È qui che le istituzioni hanno il ruolo decisivo di far trovare alle vittime il coraggio di parlare e denunciare.
Gli argomenti trattati infine dal Maresciallo Messeneo hanno invece riguardato la tutela dell’ambiente, con particolare riferimento all’importanza delle piante e dei boschi, temi che hanno acuito la sensazione di assistere a una conferenza che ha trattato argomenti importanti e delicati. Che ha saputo consigliare ai ragazzi la via più giusta da seguire nel percorso di crescita.
Perché a volte avere paura è normale, ma è soltanto insieme che si può sconfiggere ogni tipo di illegalità e violenza.

Foto: geosnews.com

Carmen Nicita

Nata sotto un gelido freddo di febbraio. Pungente, a volte, tanto quanto quell'aria invernale. Testarda. Solitaria. Taciturna. Ama perdersi nei dettagli, anche quelli apparentemente più insignificanti. Quelli che in silenzio, in un piccolo angolo in disparte, sperano ancora di poter esser notati da qualcuno. Ama rifugiarsi nella scrittura, poiché è l'unica in grado di osservare ogni minima cosa. La sola in grado di conoscerla fino in fondo.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button