ADVST
Attualità

Festa della Donna: «Pari opportunità nel segno di Jole Santelli»

Dall’Ufficio Stampa Giunta Regionale

L’Assessore regionale alle Pari opportunità, Domenica Catalfamo, in occasione della giornata internazionale dei diritti delle donne, ricorda il presidente Jole Santelli e rivolge il proprio augurio a tutte le donne calabresi.
«Pensando alle donne calabresi, il termine che trovo più adatto è quello tra i più citati del momento: resilienza. È una parola – spiega Catalfamo, – inclusa anche nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che, recependo le indicazioni dell’Europa, ha tra le proprie priorità la parità di genere. La Missione numero 5 del Piano riveste, infatti, un ruolo dominante nel perseguimento di obiettivi, trasversali a tutto il PNRR, di sostegno all’empowerment femminile e al contrasto delle discriminazioni di genere.
«Stavolta – aggiunge l’assessore, – la resilienza non dovrà essere soltanto la capacità di recupero superando criticità e difficoltà, ma sarà necessario che, senza rassegnazione, le donne agiscano con dignità e intelligenza, per il perseguimento dei principi di equità cui deve ispirarsi l’intera società civile.»

Un anno dal lockdown

«Le donne calabresi, resilienti e tenaci, con un’azione spesso silenziosa – afferma ancora, – rappresentano l’emblema di quello che una società giusta non può negare. È il momento in cui le donne di Calabria devono utilizzare tutte le proprie capacità per trovare i giusti spazi in una società che valorizzi il loro apporto nel mondo del lavoro, per dire basta alle discriminazioni e alle violenze, ma anche per guardare concretamente al futuro.
«L’8 marzo 2021 – sottolinea Catalfamo, – deve essere necessariamente ricordato anche come la ricorrenza di un anno esatto dall’inizio del lockdown. Dall’inizio di un tempo senza tempo in cui le donne si sono ritrovate in prima linea a dover far fronte a tutte le emergenze della vita sociale, gestendo criticità economiche, sanitarie e familgiari. Un periodo surreale che, purtroppo, ha visto anche moltiplicarsi i casi di violenza domestica. In questo lungo anno, anche le donne calabresi, come tutte le altre donne del mondo, non si sono arrese e continuano ancora oggi a fornire il loro apporto determinante.
«In una giornata in cui le istituzioni sono chiamate a riflettere sui diritti delle donne, sulla violenza e sulle discriminazioni di genere, è importante – rimarca l’assessore alle Pari opportunità, – assumere l’impegno di una strenua attività di programmazione che punti alla piena affermazione del principio costituzionale sulle pari opportunità nel lavoro e sull’equilibrio di genere. Un principio, oggi riconosciuto anche dal PNRR, che fonda le basi sul riconoscimento culturale e sociale delle donne, per preparare la società in cui le future generazioni della Calabria, dell’Italia e dell’Europa potranno guardare con dignità al resto del mondo, valorizzando ogni singola peculiarità.»

«Da Jole Santelli amore per la Calabria»

«Per tutto questo, vorrei dedicare l’8 marzo 2021 a Jole Santelli: la prima presidente donna della Regione Calabria, con la quale, nei pochi mesi di lavoro insieme, abbiamo condiviso questi principi, immaginando tanti progetti e azioni concrete e positive. Ricordando il sorriso di Jole, donna che dedicava la propria resilienza alla sua Calabria, oggi – conclude l’assessore Catalfamo, – un augurio di cuore va a tutte donne calabresi, che dovranno trovare forza e voce nelle istituzioni che le rappresentano».

Foto: lalucedimaria.it

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button