ADVST
Attualità

Nicola Irto incontra l’associazione di Cariati sulla questione ospedale

Dall’Ufficio Stampa Nicola Irto

«Non è possibile che in un momento così delicato per l’emergenza Covid-19 in Calabria, e in provincia di Cosenza in particolare, non venga riaperto l’ospedale di Cariati. Da tempo sono impegnati in questa battaglia di civiltà e per la salute dei cittadini gli attivisti del movimento Le Lampare, a cui ho dato il mio sostegno». Questo il pensiero di Nicola Irto, candidato a Presidente della Calabria, espresso in un incontro online avuto con il presidente de Le Lampare Nunzio Funaro, con Mimmo Formaro, portavoce della stessa associazione, e con il dottor Cataldo Formaro.
«Una struttura come quella di Cariati – continua Irto, – dev’essere utilizzata per snellire il carico dei ricoveri per Covid-19, mentre a Corigliano-Rossano, Cosenza e Crotone gli ospedali stanno letteralmente scoppiando perché non hanno più un posto libero a causa dell’elevato numero di pazienti per i quali si rende necessario il ricovero.
«La battaglia del movimento Le Lampare – spiega ancora il candidato alla presidenza della Giunta Regionale, – deve essere la battaglia di tutti noi, nessuno può tirarsi indietro davanti a una giusta causa. Per questo solleciterò il Commissario Straordinario della Sanità calabrese Guido Longo ad ascoltare le voci del comitato che sta lottando per il diritto alla salute del proprio territorio e a trovare una soluzione immediata. Mi sento di sostenere totalmente questa battaglia – conclude Nicola Irto, – che si prefigge un interesse della collettività, quello per una sanità migliore e non è una rivendicazione di campanile, e credo sia opportuno che tutti gli amministratori del territorio e le realtà del mondo impegnato come Le Lampare operino in sinergia per rivendicare la riapertura dell’ospedale di Cariati come struttura di zona disagiata.»

Foto: corrieredellacalabria.it

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button