CronacaReggio Calabria

Mammola: curavano una piantagione di marijuana. Custodia cautelare per 4 persone

A Mammola, i Carabinieri, con il supporto dei militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria, hanno dato esecuzione a un’Ordinanza di custodia cautelare personale, emessa dal Tribunale di Locri su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di quattro persone, di età compresa tra i 28 e i 58 anni, ritenute responsabili in concorso per coltivazione non autorizzata di una piantagione di canapa indiana in terreno demaniale dell’area aspromontana.
Nello specifico, il provvedimento giunge a esito di un’attività d’indagine, condotta tra giugno e agosto 2021, coordinata dalla Procura della Repubblica di Locri, che ha permesso di documentare come i quattro odierni arrestati si recassero in località Scrisà-Zoccolario dotati di falce e innaffiatoio a zaino per adoperarsi nella pulizia, irrigazione e concimazione delle piante di canapa. La piantagione, costituita da 300 piante pienamente mature e fino a 4 metri di altezza, per estensione e modalità di coltivazione era con ogni evidenza destinata allo spaccio e a produrre un considerevole quantitativo di stupefacente, con un approssimativo guadagno illecito stimabile in 400.000 euro.
Due degli arrestati sono stati tradotti presso le proprie abitazioni, mentre gli altri due sono stati sottoposti alla misura della presentazione alla polizia giudiziaria.

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button