ADVST
CronacaCrotone

Sbarco di migranti del 27 giugno: fermati 3 scafisti turchi


Edil Merici

Si è conclusa con il fermo di indiziato di delitto di 3 scafisti di nazionalità turca l’attività investigativa svolta dagli uomini della Squadra Mobile, impegnati costantemente nel contrasto del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina relativo agli eventi migratori avvenuti in provincia di Crotone.
Si tratta dello sbarco del 27 giugno scorso relativo a 79 migranti di diverse nazionalità, alcuni dei quali soccorsi in mare da una motovedetta della Capitaneria di Porto e condotti presso il Porto di Crotone, altri sbarcati autonomamente sulla spiaggia ubicata in località Le Cannella, agro di Isola di Capo Rizzuto.
Sin dal primo momento l’attenzione degli investigatori si concentrava sugli unici 3 soggetti di nazionalità turca, nei confronti dei quali si procedeva a effettuare un controllo dei loro apparati cellulari al fine di poter estrapolare dei dati utili a suffragare l’ipotesi investigativa iniziale, dettata anche dalle pregresse esperienze degli operatori circa le consuete modalità di delinquere dei soggetti dediti al trasporto dei migranti. Determinanti, poi, sono state anche le testimonianze raccolte dagli stranieri.
Al termine delle indagini, i soggetti venivano posti in stato di fermo per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e associati, su disposizione della Procura della Repubblica di Crotone, presso la locale Casa Circondariale.


GRF

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button