ADVST
Costume e Società

Festa della Donna: Marina di Gioiosa imbocca la “strada della consapevolezza”

Di Valentina Femia – Consigliere alle Politiche Sociali di Marina di Gioiosa Ionica

La celebrazione dell’8 marzo ha origine dai movimenti femminili politici di rivendicazione dei diritti delle donne di inizio ‘900. Molte, troppe, donne, da allora in poi, hanno intrapreso cammini di emancipazione femminile e per la conquista della parità di genere, tema ancora troppo attuale visto che la nostra contemporaneità è, purtroppo, ancora piena di situazioni nelle quali le nostre sorelle, donne, figlie, mogli e madri lavoratrici sono vittime di prevaricazione, fino a perdere la vita, per il ruolo propulsivo nel cambiamento sociale, in alcuni contesti culturali che non accettano l’impegno personale, professionale e sociale, anzi, al contrario, lo osteggiano.
Nel mese di gennaio, a Kabul, due Magistrate, giudici in servizio presso la Corte Suprema, sono state uccise a colpi di arma da fuoco da un sicario a bordo di una motocicletta. E, ancora, pochi giorni fa, a Jalalabad, tre donne, che lavoravano come doppiatrici in una emittente televisiva afghana, sono state uccise mentre rientravano a casa dopo il lavoro.
Tutto ciò altro non è che una aggressione ideologica, perpetrata da chi non accetta un percorso di normalizzazione nel Paese e che vede nell’emancipazione femminile un rischio estremo, da combattere con ogni mezzo disponibile.
Ed è proprio per questo che, come delegata alle Pari Opportunità, in accordo con la Giunta e i colleghi Consiglieri, abbiamo preferito non fare nulla di commemorativo, ma di tracciare, insieme allo sportello antiviolenza Mai più soli del nostro Comune la strada per la memoria e la consapevolezza di ciò che abbiamo duramente conquistato e del lavoro che c’è ancora da fare. Ai miei colleghi amministratori, ai quali va il mio più sincero ringraziamento, ho consegnato la proposta venuta da parte del team dello sportello antiviolenza per la creazione, anche qui a Marina di Gioiosa Ionica, della stanza della memoria per le vittime di violenza.
In quest’anno particolare, che ha già visto troppe ingiustizie, il nostro pensiero va a tutte le donne che credono nei valori della libertà, dell’uguaglianza e della pari dignità per cui le loro esistenze sono state soppresse.

Foto: geopolitica.info

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button