ADVST
AttualitàRegione

Nino Spirlì chiede l’azzeramento del debito sanitario al Governo

Dall’Ufficio Stampa Giunta Regionale

Il Presidente della Regione, Nino Spirlì, chiede al Governo l’azzeramento del debito sanitario della Calabria.
Dopo aver avanzato la stessa istanza ai vari rappresentanti dell’esecutivo incontrati in questi giorni a Roma, il presidente Spirlì scriverà al Premier, Mario Draghi, per chiedere un incontro specifico sulla questione.
«Oggi – dichiara Spirlì, – ho avanzato la richiesta anche al Ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo aver interessato anche molti altri rappresentanti del Governo, tra cui il Commissario per l’Emergenza Covid-19, il generale Francesco Paolo Figliuolo, i ministri dell’Interno e degli Affari Regionali, Luciana Lamorgese e Maria Stella Gelmini, i sottosegretari Dalila Nesci, Francesco Sasso, Claudio Durigon e Nicola Molteni. Della questione ho investito anche il Segretario Federale della Lega, Matteo Salvini.
«A tutti – spiega Spirlì, – ho chiesto l’azzeramento dei debiti dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria e di una parte di quelli dell’intero comparto sanitario regionale. È, questa, l’unica condizione per poter avviare una nuova politica sanitaria in Calabria. Senza questo atto non serviranno a nulla nemmeno altri cento commissari ad acta.
«Di tutto questo – conclude, – voglio parlare anche con il Presidente del Consiglio Mario Draghi, al quale scriverò per chiedere un incontro il prima possibile.»

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button