ADVST
Attualità

Tensione tra Forum del Terzo Settore e Ambito Territoriale di Locri

Nella giornata di giovedì una nota stampa del Forum del Terzo Settore, ente di rappresentanza di 92 organizzazioni nazionali operanti negli ambiti del Volontariato, dell’Associazionismo, della Cooperazione Sociale, della Solidarietà Internazionale, della Finanza Etica e del Commercio Equo e Solidale, ha denunciato la poca trasparenza con cui l’Ambio Territoriale di Locri starebbe impiegando il Fondo Nazionale per le non autosufficienze, che prevede un importante supporto economico agli Enti Locali per l’adozione di misure di assistenza domiciliare, specialistica, presidi sociosanitari e aiuti materiali nei confronti delle categorie fragili del territorio.
Tra il 2019 e il 2020, si legge nella nota, l’Ambito Territoriale avrebbe infatti pubblicato 4 delibere che certificherebbero un utilizzo in taluni casi totalmente improprio dei fondi, come nel caso del loro impiego per il rifacimento dell’intonaco esterno degli uffici dell’ambito territoriale o la distrazione dei fondi per il pagamento del personale professionista impegnato nei progetti di inclusione sociale e contrasto alla povertà.
Tale condotta avrebbe reso l’azione dell’Ambito Territoriale poco incisiva, soprattutto in un momento storico delicato come quello dell’emergenza sociale ed economica innescata dalla pandemia, durante la quale, addirittura, sarebbe stato negato l’accesso agli avvisi pubblici alle associazioni che intendevano parteciparvi.
“Per questa ragione – conclude la nota, – è nostra intenzione rivolgerci al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali come Ente erogatore del Fondo, e alla Regione Calabria in qualità di Ente che trasferisce le somme, al fine di richiedere un mirato approfondimento e ogni azione a beneficio degli utenti destinatari del Fondo medesimo.”

La risposta dell’Ambito Territoriale

Non si è fatta attendere la risposta dell’Ambito Territoriale, che ha rispedito al mittente le accuse sostenendo che il Forum del Terzo Settore abbia preso un vero e proprio abbaglio.
L’Ambito Territoriale, infatti, ha citato il Decreto di Giunta Regionale che spiega come i fondi mancanti non sarebbero stati utilizzati dall’Ambito Territoriale di Locri perché in realtà affidati dalla Regione direttamente all’Azienda Sanitaria Provinciale per il trattamento delle cosiddette disabilità gravissime ed elencando brevemente gli interventi che sono stati realizzati proprio nell’ultimo, delicato periodo.
Le accuse di aver negato l’accesso agli Avvisi Pubblici sarebbero, poi, totalmente infondate, in virtù di una puntuale pubblicazione degli stessi sull’Albo Pretorio, per non parlare dell’impiego illecito dei fondi che sarebbe facilmente spiegabile attraverso la consultazione di tutte le voci delle spese ammissibili.
Quanto al mancato impiego di tutte le risorse per il pagamento dei professionisti contrattualizzati, infine, si spiega attraverso l’impiego del Fondo Non Autosufficienza 2015 e la gestione dei fondi giacenti in Tesoreria per come previsto dal Testo Unico degli Enti Locali.
La nota chiude stigmatizzando l’atteggiamento di alcuni esponenti del Forum che non hanno inteso collaborare assieme all’Ambito Territoriale nella realizzazione del piano di supporto e ringrazia, in conclusione, il rappresentante dell’associazione Genitori autistici Vito Crea che, venuto a conoscenza della nota, si è voluto invece confrontare con l’Ambito Territoriale prendendo le distanze da quanto espresso nel comunicato del Forum.

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button