Attualità

Una guardia medica rifiuta la visita a un paziente sprovvisto di green pass

La confusione sulle disposizioni anti Covid-19 genera mostri. Nella Locride già sofferente dal punto di vista sanitario, infatti, accade anche che un cittadino che si reca con dolori al petto presso la guardia medica venga cacciato dall’ambulatorio perché sprovvisto di Green Pass. I dispositivi di protezione individuale, nel caso de quo, non sarebbero stati sufficienti nemmeno a dare al paziente sofferente un consiglio relativo a chi rivolgersi e a quali accertamenti potesse svolgere, da solo o con l’aiuto di un famigliare, per comprendere la natura del suo male.
Il responsabile delle guardie mediche di zona comunica che un medico non può rifiutare in nessun caso di visitare un paziente, tanto più che anche nella Locride dalla tanto famigerata sanità gli operatori sarebbero stati muniti di tutti i dispositivi medici utili non solo a evitare di contrarre il temuto virus, ma persino a visitare un paziente malauguratamente positivo.
Intanto, però, la persona in questione, per comprendere l’origine delle sue sofferenze, si è dovuta recare a un ospedale già gravato da atavici problemi e, visto il codice attribuitogli, ha dovuto attendere pazientemente quattro ore per una visita che la Guardia Medica avrebbe potuto effettuare in pochi minuti, evitando così di gravare ulteriormente sul provato personale del Pronto Soccorso.
Ci domandiamo, in conclusione, se il timore del contagio possa davvero determinare una violazione così eclatante del codice deontologico e se i lavoratori del Pronto Soccorso, a questo punto, abbiano davvero un’innata forma di sprezzo del pericolo che, quotidianamente, fa loro correre dei rischi enormi per salvare le vite degli estranei che chiedono loro aiuto…

Foto: lavocedeltrentino.it

Oὐδείς

Oὐδείς (pronuncia üdéis) è il sostantivo con il quale Ulisse si presenta a Polifemo nell’Odissea di Omero, e significa “nessuno”. Grazie a questo semplice stratagemma, quando il re di Itaca acceca Polifemo per fuggire dalla sua grotta, il ciclope chiama in soccorso i suoi fratelli urlando che «Nessuno lo ha accecato!», non rendendosi tuttavia conto di aver appena agevolato la fuga dei suoi aggressori. Tornata alla ribalta grazie a uno splendido graphic novel di Carmine di Giandomenico, la denominazione Oὐδείς è stata “rubata” dal più misterioso dei nostri collaboratori, che si impegnerà a esporre a voi lettori punti di vista inediti o approfondimenti che nessuno, per l’appunto, ha fino a oggi avuto il coraggio di affrontare.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button