ADVST
CronacaReggio Calabria

Revocata la sorveglianza speciale per un 33enne di Marina di Gioiosa Ionica


Edil Merici

“Ritiene il Collegio, alla luce anche dell’indicata produzione difensiva, che la pericolosità sociale di P.A. debba ritenersi non più attuale, e che quindi debba essere revocato il decreto applicativo della misura, emesso in data 29 gennaio 2014”. È quanto scrivono i giudici del Tribunale di Reggio Calabria, sezione misure di prevenzione, nell’ordinanza con la quale hanno accolto l’istanza presentata dall’avvocato Fabio Mesiti e hanno, di conseguenza, disposto la revoca della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per la durata di 2 anni e 6 mesi applicata nei confronti di un 33enne residente a Marina di Gioiosa Ionica.
L’uomo era finito in carcere a seguito di una serie di reati che vanno dalla truffa alla ricettazione, alla detenzione di sostanze stupefacenti e altro.
Il difensore, nella produzione documentale depositata in udienza, ha rappresentato che P.A. ha goduto della libertà anticipata, di permessi premio, della semilibertà ed è stato anche autorizzato a lavorare presso un pub/paninoteca. Di tali circostanze ne dà atto l’organo di pubblica sicurezza che non ha rilevato alcuna violazione delle prescrizioni da parte del gioiosano nei periodi di semilibertà, prima, e libertà controllata, dopo.
Il Tribunale reggino ha ritenuto che: “Pur a fronte della gravità dei fatti commessi e del livello di pericolosità che aveva giustificato l’applicazione della misura di prevenzione nell’anno 2014, le risultanze illustrate sembrano convergere nel senso dell’effettivo avvio di un percorso di ravvedimento, di rivisitazione critica del proprio trascorso criminale e della volontà di recidere i legami con il tessuto criminale di originaria appartenenza”. Pertanto i giudici hanno revocato la sorveglianza speciale.


Trimboli

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button