AttualitàCittà Metropolitana

A chi giova Falcomatà Sindaco?

Di Rosy Canale Di Tore

A breve avremo notizia del ricorso presentato dal sindaco condannato e sospeso Giuseppe Falcomatà circa la presunta incostituzionalità della Legge Severino, a cui in verità, la Corte Costituzionale avrebbe già risposto.
Assistiamo atterriti allo sfacciato esempio di attaccamento al potere tipico dei democratici, capaci di rinnegare la legge e la sua applicazione quando si tratta di affari propri.
Ma avendo già ottenuto lo sconto sul falso ideologico, forse Falcomatà spera ancora in un aiutino da parte di quegli autorevoli amici che, secondo quanto mira a lasciare intendere, dovrebbero sostenerne e avallarne il delirio.
Siamo consapevoli e amareggiati del fatto che il futuro abbracci anche la remota possibilità di garantire un doppio standard, ma il risveglio è nell’aria, e la primavera vicina. Non quella decantata in via strumentale, ma quella dei cittadini afflitti e arrabbiati.
È l’ennesimo atto di prevaricazione nei confronti di quello stesso codice etico con cui Falcomatà faceva i gargarismi, approvato e adottato dal Comune, che addirittura prevedeva e continua a prevedere l’obbligo giuridico delle dimissioni davanti alla condanna, sebbene non definitiva, di un amministratore. Lui invece cerca di ritornare e imporsi con ogni mezzo, e con ogni spinta, anche millantando per abusare una volta di più della credulità popolare.
Ma se ci sarà pure un giudice a Berlino le vicende esposte in queste settimane dai vari movimenti cittadini, compreso questo, e da Massimo Ripepi, presidente della commissione vigilanza, non dovrebbero lasciare tranquillo il rampollo di casa Falcomatà.
Da quello che è emerso proprio nell’audizione della dirigente dell’avvocatura civica Fedora Squillaci, pare che la mancata costituzione di parte civile nel processo Miramare sia opera dello stesso Falcomatà, il quale sa bene di aver risparmiato ingenti somme dovute all’amministrazione come provvisionale del danno arrecato con la vicenda Miramare.
Risulta dagli atti che il comune si costituisca parte civile contro i cittadini anche quando un gallinaio sfora la metratura… Ma non si può pensare di riservare a Palazzo San Giorgio lo stesso trattamento dei comuni reggini: quelli trattati come bestie e persino ingiuriati.
All’assessore sospeso Antonino Zimbalatti, determinato a chiedere eventuali danni se riconosciuto estraneo, rivolgiamo invito non solo a rinunciare alla prescrizione, ma a dare l’esempio dimettendosi in accordo con il codice etico anche da lui approvato.
E non solo: sono emersi in queste settimane dati inquietanti e documentati di un presunto sistema di assunzioni interno al comune di Reggio Calabria che richiamerebbe da altre graduatorie amici e parenti dei soliti noti, penalizzando ancora una volta i martoriati reggini, costretti a emigrare per trovare occupazione. Pertanto, questa smania di Falcomatà di tornare alla guida della città, visti gli innumerevoli fallimenti, non si può certo considerare a beneficio della cittadinanza: cui prodest Falcomatà sindaco?
A se stesso e ai suoi amici.
La Procura, che abbiamo spesso invocato in questi giorni, saprà intervenire con urgenza per fare chiarezza.

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button