AttualitàEnti locali

Africo ospiterà 40 profughi ucraini


Edil Merici

Il Comune di Africo accoglierà 40 profughi ucraini. È di martedì 10 maggio, infatti, la notizia che la volontà manifestata dall’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Domenico Modaffari di accogliere i cittadini che fuggono dalla guerra è stata accolta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Protezione Civile, per cui la cittadina del Basso Ionio reggino ospiterà 40 persone nel centro del paese. A darne notizia, è il primo cittadino Modaffari, che afferma:

È davvero una bella notizia, questa di poter dare sostegno e solidarietà ai profughi ucraini, volontà palesata dalla mia comunità che esprime al meglio i sentimenti propri dell’accoglienza e dell’ospitalità che molti concittadini mi hanno manifestato in Municipio all’indomani dello scoppio del conflitto Russia-Ucraina. Il progetto approvato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, tra i pochi in Calabria, prevede misure di accompagnamento per l’integrazione e per l’autonomia delle persone sfollate. La durata delle attività di accoglienza diffusa terminerà il 31 dicembre 2022, salvo diversa previsione da parte del Dipartimento della Protezione Civile. Al termine del periodo di accoglienza, in caso di necessità, si potrà prolungare la permanenza dei beneficiari, prevedendo eventualmente il trasferimento degli stessi presso differente misura alloggiativa.

Il progetto di accoglienza sarà curato in partnership dalla cooperativa Dedalo, che ha esperienza consolidata nel settore dell’accoglienza, oltre ad aver svolto attività di formazione indirizzata alle figure di mediatore culturale e di mediatore linguistico, Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli, organizzazione non governativa di cooperazione e la cooperativa sociale Officine delle Idee.

Foto: liveuniversity.it


“Birra”

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button