ADVST
AttualitàRegione

Caso scuole: le opposizioni tuonano contro la Cittadella

La decisione del Tribunale Amministrativo Regionale di revocare l’ordinanza con cui il Presidente facente funzione della Regione Calabria aveva stabilito la chiusura delle scuole fino al 21 marzo scatena l’ira delle opposizioni. A poche ore dalla notizia che i nostri ragazzi dovranno tornare a scuola già dalla giornata di domani, infatti, il candidato del centrosinistra alla presidenza della regione Calabria Nicola Irto e l’ex capo della Protezione Civile regionale Carlo Tansi, hanno rilasciato due distinti comunicati stampa che tuonano contro la Cittadella.

Nicola Irto: “Balletto indecoroso”

Afferma la nota rilasciata dall’Ufficio Stampa dell’esponente dem:

Continua il balletto indecoroso delle chiusure e delle riaperture intorno alla scuola provocato dalle decisioni sbagliate e contraddittorie della Giunta Regionale. Una situazione che è diventata oltremodo inaccettabile e che si sta consumando sulla pelle dei nostri ragazzi, del corpo docente, di tutti gli operatori scolastici e delle famiglie. La Giunta Regionale faccia immediatamente chiarezza in merito alle linee guida che si dovranno adottare da qui alla fine dell’anno scolastico per garantire il diritto allo studio e tutelare il settore più importante quale è l’istruzione e la crescita formativa dei giovani calabresi. Si adotti un criterio che sia il più possibile in linea con gli indirizzi dettati dalle autorità sanitarie e si smetta, una volta per tutte, di affidare la gestione di una materia così importante e delicata all’onda emotiva del momento. Il mondo della scuola, che da un anno sta compiendo grandissimi sacrifici e sforzi per garantire il funzionamento della didattica, ha bisogno di risposte concrete, ma soprattutto di decisori credibili e autorevoli.

Carlo Tansi: “Situazione comica che rischia di divenire tragica”

Decisamente più infiammata la reazione dell’esponente di Tesoro Calabria Carlo Tansi, che non esita a puntare il dito direttamente contro il Presidente facente funzione affermando che la vicenda scuole chiuse sia diventata una “telenovela di infima qualità”. Nel prosieguo della nota Tansi afferma di ritenere che la chiusura delle scuole sia propedeutica all’occultamento di “ben altre magagne e responsabilità” in virtù di un tasso di vaccinazione del personale scolastico miserevole (appena lo 0,4%) soprattutto se rapportato a quello di regioni virtuose come Toscana e Puglia, che si avviano invece alla conclusione della campagna vaccinale degli operatori del settore. Tansi si dice dunque preoccupato dal fatto che la Calabria, la sanità e la distribuzione dei fondi concessi dal Recovery Plan (e, quindi, per estensione il futuro dei nostri figli) possano essere gestiti da Nino Spirlì, espressione di una classe politica che, con l’arrivo delle tante agognate elezioni regionali, deve essere mandata a casa. In chiusura, Tansi scrive con amarezza che il problema della sanità, comunque, non risiede soltanto nel Presidente facente funzione. Anche il Commissario Straordinario alla Sanità Calabrese Guido Longo, per il geologo, avrebbe infatti “collezionato una serie di ritardi, inefficienze e decisioni discutibili, fra cui le vicende, ancora tutte da chiarire, delle dosi di vaccino sparite nel cosentino, del caos nelle procedure di somministrazione a Reggio” e dei dati poco chiari relativi all’andamento della pandemia sul nostro territorio.

Foto: ilmessaggero.it

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button