ADVST
AttualitàEnti locali

Ripartono i lavori del Nuovo Palazzo di Giustizia di Locri

Dall’Ufficio Stampa Città di Locri

Come già annunciato nelle scorse settimane dal sindaco di Locri Giovanni Calabrese, si ha ora l’ufficialità sulla riapertura del cantiere del Palazzo di Giustizia.
I lavori ripartiranno il prossimo 8 aprile e vi sarà un monitoraggio costante con l’obiettivo di portare a termine nel più breve tempo possibile l’importante e strategica opera pubblica che aspetta da oltre 20 anni. Il Palazzo di Giustizia, presidio di legalità, non poteva rimanere l’ennesima incompiuta, costata milioni di Euro, un vero e proprio paradosso per lo Stato e, adesso, tutto è pronto per dare seguito al progetto.
La riapertura del cantiere è stata definita venerdì in un vertice al quale hanno partecipato il Provveditore Interregionale Opere Pubbliche Gianluca Ievolella, il Sindaco Calabrese, il Presidente del Tribunale Fulvio Accuso in rappresentanza anche del Procuratore Luigi D’Alessio, l’Amministratore Straordinario della Società Caruso Costruzioni, che ha in appalto l’opera, Igino Guerriero, e il Responsabile Unico del Procedimento Riccardo Napolitano.
«Inizia una nuova fase – afferma Calabrese. -Grazie all’impegno degli ultimi mesi si sono superati tutti gli ostacoli che rischiavano di far rimanere il nuovo Palazzo di Giustizia un’incompiuta al centro della città. Malgrado le difficoltà incontrate in questi anni non ci siamo mai arresi. Siamo sempre stati convinti dell’importanza di un Palazzo di Giustizia adeguato e funzionale, perché rappresenta un fondamentale presidio dello Stato in un territorio dove spesso l’illegalità e l’arroganza del potere criminale hanno cercato di sovrastare le istituzioni democratiche e costituzionali. La ripresa dei lavori – dice Calabrese, – rappresenta oggi un momento di soddisfazione, ma aspettiamo la conclusione e la consegna per poter sventolare il tricolore della vittoria». Si continua a lavorare con impegno e abnegazione per realizzare il progetto della Cittadella della Giustizia, che prevede, nella stessa area dove già insiste la Caserma del Gruppo Carabinieri di Locri e si sta realizzando il nuovo Palazzo di Giustizia, anche la realizzazione della Caserma del Gruppo Guardia Finanza di Locri. Anche per quest’ultima realizzazione l’iter amministrativo è già formalmente avviato e verrà curato direttamente dall’Agenzia del Demanio.
«Stiamo realizzando opere fondamentali, che stanno contribuendo a cambiare il volto di una città che era stato sfregiato. Il nostro motto è stato sempre quello di lavorare, creare sinergie e guardare avanti, operando per il bene comune e in sinergia con le Istituzioni e Forze dell’Ordine, per garantire sicurezza e servizi alla comunità.
«Un particolare ringraziamento – ci tiene a sottolineare il primo cittadino, – va al Provveditore Gianluca Ievolella, il cui impegno è stato determinante per arrivare alla ripresa dei lavori, e ai vertici della Magistratura, che con il Procuratore d’Alessio e con il Presidente Accurso e l’ex Presidente Rodolfo Palermo non si sono mai arresi davanti a un insidioso e tormentato procedimento amministrativo.
«La ripresa dei lavori l’8 di aprile è la vittoria di un impegno sinergico – conclude l’amministratore locrese. – Per questo motivo le autorità coinvolte, proprio nel giorno della conclusione dei lavori, presenteranno sul cantiere il progetto di completamento dei lavori e delle relative opere complementari.»
Prossimo appuntamento, dunque, l’8 aprile 2021 alle ore 12.

Redazione

Redazione è il nome sotto il quale voi lettori avrete la possibilità di trovare quotidianamente aggiornamenti provenienti dagli Uffici Stampa delle Forze dell’Ordine, degli Enti Amministrativi locali e sovraordinati, delle associazioni operanti sul territorio e persino dei professionisti che sceglieranno le pagine del nostro quotidiano online per aiutarvi ad avere maggiore familiarità con gli aspetti più complessi della nostra realtà sociale. Un’interfaccia che vi aiuterà a rimanere costantemente aggiornati su ciò che vi circonda e vi darà gli strumenti per interpretare al meglio il nostro tempo così complesso.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button