Attualità

Gabriella Reillo rinuncia all’incarico: Fulvio Accurso nuovo Presidente del Tribunale di Locri

È proprio vero che bisogna battere il ferro finché è caldo.
Il fatto che il giudice Fulvio Accurso, nell’ambito del rinnovo dell’incarico di Presidente del Tribunale di Locri, non avesse ricevuto nemmeno un voto nel silenzio generale della stampa locale ci aveva davvero shockati. Uno shock (come quello di Matteo Renzi), che ci aveva spinto a scrivere qualche riga di riflessione su un dato che diveniva anche indicatore di qualcosa che non funzionasse a dovere, nel mondo della magistratura locale, e che ha avuto un riverbero, ve lo raccontavamo ieri, persino su un quotidiano nazionale, grazie all’intervento di una parlamentare europea.
Aver fatto arrivare la notizia a chi aveva la possibilità di raggiungere un più vasto pubblico rispetto al nostro ci era sembrata già una conquista. Invece stamattina abbiamo ricevuto una notizia ancora più straordinaria: Fulvio Accurso è il nuovo Presidente del Tribunale di Locri.
La giudice Gabriella Reillo, infatti, ha rinunciato all’incarico dimostrando un’enorme sensibilità per la situazione che si stava venendo a creare e il Consiglio Superiore della Magistratura è tornato sui suoi passi chiudendo questa situazione incresciosa nell’unico modo possibile: quello giusto.

Oὐδείς

Oὐδείς (pronuncia üdéis) è il sostantivo con il quale Ulisse si presenta a Polifemo nell’Odissea di Omero, e significa “nessuno”. Grazie a questo semplice stratagemma, quando il re di Itaca acceca Polifemo per fuggire dalla sua grotta, il ciclope chiama in soccorso i suoi fratelli urlando che «Nessuno lo ha accecato!», non rendendosi tuttavia conto di aver appena agevolato la fuga dei suoi aggressori. Tornata alla ribalta grazie a uno splendido graphic novel di Carmine di Giandomenico, la denominazione Oὐδείς è stata “rubata” dal più misterioso dei nostri collaboratori, che si impegnerà a esporre a voi lettori punti di vista inediti o approfondimenti che nessuno, per l’appunto, ha fino a oggi avuto il coraggio di affrontare.

Related Articles

One Comment

  1. Adesso che ha portato a termine il compito che gli avevano assegnato, immagino siate anche più contenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button